21 Marzo 2008 | Balcani

Archivio

A cavallo tra Kosovo, Montenegro e Albania
Balkan Peace Park Project
‚”Parchi della pace“, ‚”Parks for peace“, ‚”Parkovi za mir“, ‚”Parqet p√´r Paqe“. Secondo la definizione dell’Iucn (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources) si tratta di aree protette transfrontaliere ufficialmente preposte alla protezione e al mantenimento delle diversita’ biologica, delle risorse naturali e culturali e alla promozione della pace e della cooperazione.(continua)

A cavallo tra Kosovo, Montenegro e AlbaniaBalkan Peace Park Project
‚”Parchi della pace“, ‚”Parks for peace“, ‚”Parkovi za mir“, ‚”Parqet p√´r Paqe“. Secondo la definizione dell’Iucn (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources) si tratta di aree protette transfrontaliere ufficialmente preposte alla protezione e al mantenimento delle diversita’ biologica, delle risorse naturali e culturali e alla promozione della pace e della cooperazione.(continua)

L’agriturismo, un’alternativa che attira sempre di piu’ i rumeni
Tradotto dal sito Courrier des Balkans. Pubblicato per la prima volta il 1ª febbraio 2008 sul quotidiano Adevarul.
Ovidiu Marincea – Immaginiamo uno scenario normale: partite per le vacanze o per un week end in montagna senza una destinazione precisa, per visitare diverse citta’ e villaggi. Raggiungete il primo luogo che volete visitare dopo 20 ore. Dovete scegliere un hotel dove passare la notte.(continua)

Alle porte di Mostar
Blagaj: dalla casa dei dervisci alle bellezze del paesaggio
Francesca Rolandi – Il visitatore che passa qualche giorno a Mostar non puo’ certo esimersi dal visitare la cittadina di Blagaj, circa 7 km piu’ a sud. Costeggera’ l’areoporto, attraversera’ un’area che molto ha sofferto durante la guerra e, imboccata la strada che conduce all’antica tekija, rimarra’ infine a bocca aperta.(continua)

Lubiana e i suoi diversi volti
Dragoni e non solo
Francesca Rolandi – Si dice che il dragone che incombe sulla citta’ dagli spalti del castello sia il simbolo di Lubiana. La leggenda riporta indietro alla notte dei tempi, quando la nave che trasportava l’eroe greco Giasone e i suoi compagni avrebbe imboccato la foce del Danubio, l’avrebbe risalita, avrebbe attraversato la Sava e quindi la Ljubljanica per arenarsi infine nelle paludi che circondavano il sito dell’odierna Lubiana.(continua)

Extreme Sports Club Scorpio
Un’introduzione al programma Skitouring
Avete fatto un’escursione sulle montagne della Bosnia e vi siete chiesti che aspetto hanno in inverno? Siete stanchi dell’affollamento di Bijelina e Jahorina e volete provare qualcosa di diverso? Siete alla ricerca di neve soffice? In tal caso siete pronti per il programma Scorpio skitouring!(continua)

Alla scoperta dell’offerta turistica in Macedonia
La prima fiera internazionale del turismo di Ohrid
Francesca Rolandi – Dal 17 al 21 gennaio, nella citta’ di Ohrid i riflettori sono stati puntati sul turismo, nelle sue diverse accezioni. L’arena sportiva della pittoresca citta’ macedone ha infatti ospitato la prima fiera internazionale del turismo, del vino, degli eco-prodotti alimentari, dell’artigianato legato al turismo, oltre a un forum sull’argomento.(continua)

Visitando Rijeka
Crocevia di culture
Francesca Rolandi – Sebbene spesso per i turisti Rijeka rappresenti solo un luogo di transito verso località marittime, vorrei invitare i viaggiatori che si troveranno a passare di qua a prestare un po’ di attenzione alla città, alla sua complessa storia e alle vestigia del passato che essa tuttora ospita(continua)

Ivanšćica sotto la neve
Ivanšćica respira per tutto il mondo
Vanda Panić – Le previsioni del tempo per il fine settimana del 20/21 ottobre non promettevano nulla di buono, ma siccome fino a sabato sera il tempo era ancora bello, ho deciso di partire per Ivanšćica, insieme con i miei amici di √êurƒëevac. Mi sono decisa sopratutto perché mi piaceva l’itinerario: Belec – Belecgrad – Ivanšćica – Oštrcgrad – Lobor. Una gita secondo i miei gusti, la camminata combinata alle visite ai vecchi edifici di valore storico.(continua)

Gli standard europei per il turismo rurale
Comunicato stampa
Hrvatski farmer d.d., Ruralis – il consorzio di agriturismo e turismo rurale dell’ Istria e il Club “Selo” hanno messo a punto una proposta di “Regolamento dell’ offerta alberghiera di turismo rurale” , che vuole introdurre standard semplici e facilmente migliorabili nel settore del turismo rurale in Croazia.(continua)

Un museo a cielo aperto
“Villaggio Antico” – Sirogojno
“Villaggio Antico” e’ un museo all’aperto nel quale si può venire a contatto con l’architettura, lÃõ’arredamento interno dei palazzi, l’organizzazione dell’economia domestica e l’organizzazione della vita familiare della popolazione montanara di Zlatibor, nel sud-ovest della Serbia.(continua)

Sulle tracce dei re bosniaci
Nuove iniziative di turismo culturale in Bosnia Erzegovina
Nei prossimi tre anni la fondazione “Mozaik” lavorera’ alla realizzazione del progetto “Sulle tracce dei re bosniaci” , che, basandosi sulle tematiche dello stato bosniaco medievale, vuole attrarre turisti stranieri e migliorare l’offerta turistica del paese.(continua)

Lago di Bled
Un video viaggio al lago di Bled
Lago di Bled e’ situato nella parte nordoccidentale di Slovenia, ai piedi delle Alpi Giulie, ed e’ una delle località di villeggiatura alpine più belle. Al centro si trova una piccola isola su cui è stata costruita la chiesa di St. Maria, e su una parete a precipizio sopra il lago sorge il piu antico castello del territorio sloveno.(continua)

Slow Food Convivium Vojvodina
Mangia piano, mangia lento, poi vedrai che sei contento.
Denis Kajić – Slow food e’ un’associazione internazionale nata in Italia nel 1986 come risposta al dilagare del fast food (cibo consumato velocemente) e delle conseguenze negative causate da questo tipo di alimentazione. L’associazione oggi coinvolge piu’ di 80 000 persone in oltre 100 paesi del mondo. Tra le organizzazioni a livello locale, nella regione Balcanica, ricordiamo la Slow Food Convivium Vojvodina. (continua)

Il Sahara croato
Camminando sulla sabbia
Vanda Panić – Sahara croata e’ il sinonimo per la zona che si trova vicino a ƒêurƒëevac, la regione della Podravina in Croazia, famosa per la grande quantita’ di sabbia che la ricopre. Questo teritorio che si estende per 19,5 ettari tra ƒêurƒëevac e Kalinovac, nel 1963 e’ stato proclamato riserva botanico-geografica. (continua)

Corso di formazione per lo sviluppo del turismo giovanile in BiH
Mostar, 11 – 17 novembre 2007
Green Visions, ONG dedicata alla promozione della Bosnia Erzegovina nel mondo, che si occupa di eco turismo e sviluppo sostenibile delle comunità locali, insieme con l’associazione tedesca per la collaborazione tecnica (GTZ), organizza un programma educativo per i giovani, intitolato “Abilitare i giovani alla partecipazione nello sviluppo del turismo giovanile in Bosnia Erzegovina”.(continua)

Etno villaggio Stanišić
Etno villaggio Stanišić
Denis Kajić – Andando da Bijeljina verso il ponte Pavlović sul fiume Drina, dopo qualche chilometro troverete delle case montane in stile etnico, un mulino, una chiesa, un lago… Davanti a voi si trova l’etno villaggio Stanišić il cui proprietario, Borislav Stanišić, a causa della guerra si è trasferito dalla regione di Vares alla pianura Semberia. (continua)

Giorni dei funghi 2007
Il quarto successo!
Boro Marić – Si è svolta la quarta edizione della manifestazione “Giorni dei funghi 2007” a Mrkonjic Grad. La più riuscita dell’edizioni precedenti. Non stiamo vantandoci. Il successo di quest’anno e’ raddoppiato rispetto all’anno scorso, almeno nel numero dei partecipanti. (continua)

Il primo congresso croato sul turismo rurale
“Le prospettive di sviluppo del turismo rurale” Hvar, 17. – 21. ottobre 2007.
Il Congresso e’ rivolto a tutti quelli che, direttamente o indirettamente, si occupano di turismo rurale, ovvero dai proprietari delle abitazioni ospitanti,alle organizzazioni e alle cooperative, agli enti governativi, agli organi di autogestione locale, alle communita turistiche e alle istituzioni scientifiche.(continua)

La sesta conferenza dei ministri “Un ambiente per l’Europa”
Migliorare lo stato globale dell’ambiente
Dal 10 al 12 ottobre 2007 si e’ tenuta a Belgrado la Conferenza ministeriale “Un ambiente per l’Europa”, alla quale hanno partecipato i rappresentanti del Ministero per la tutela dell’ambiente vitale di 56 paesi europei, membri della Commissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), inclusi Canada e USA.(continua)

Verde, colore del Futuro
Le prospettive e lo sviluppo della Politica Verde nella regione del Sud-Est Europa.
Denis Kajić – La Fondazione “Heinrich Boll”, in collaborazione con “The Green East-West Dialogue” e “Green European Foundation”, ha organizzato il 6 ed il 7 ottobre a Sarajevo una conferenza internazionale dal titolo “Verde-Colore del Futuro: potenziale per la politica riformista nel Sud-est Europa”.(continua)

EuroVelo in Bosnia Erzegovina
Il mondo che viaggia in bicicletta
Denis Kajić – Alla runione di consiglio d’amministrazione della Federazione Europea Ciclisti si e’ raggiunto l’accordo di lanciare l’iniziativa per includere la Bosnia Erzegovina nel progetto EuroVelo. EuroVelo è il progetto della Federazione Europea Ciclisti per la costruzione e lo sviluppo di piste ciclabili che attraversano tutta l’Europa.(continua)

La cima del Krn (2244m)
Alpi Giulie, Slovenia
Vanda Panić – Mi e’ sembrato impressionante vederlo dopo cinque ore di guida, dopo un lento viaggio nel traffico intenso dell’autostrada slovena e dopo un percorso a piedi, in salita, di circa due ore e mezza in direzione del rifugio di Komna, nel quale abbiamo trascorso la notte.(continua)

Plitvićka jezera (video)
Il piu’ bello e piu’ conosciuto Parco Nazionale croato.
I laghi di Plitvice sono formati da 16 laghi, situati al teritorio tra Mala Kapela e Plješivica, a Lika.
Bellezza eccezionale dei laghi e delle cascate, boschi fitti, richezza di flora e fauna, l’aria di montagna, contrasti dei colori d’autunno, sentieri del bosco e ponticelli di legno, fanno parte di un complesso irripetibile, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.(continua)

Sette sentieri segnalati intorno a Vardište
Marcazioni di percorsi escursionistici su sentieri e strade di campagna sulle colline intorno a Breza.
Silvestro Francesco Rivolta – Le colline bosniache sono sconosciute al turismo, pressoché ignorate dalle guide, eclissate da altre ben più organizzate aree rurali europee, e come il resto del paese segnate dalla sinistra fama della guerra e delle mine. Sono un terreno ancora “grezzo”, turisticamente inesplorato, ma proprio per questo più interessante e sorprendente.(continua)

Siamo stati a Zelenkovac…
Zelenkovac è un villaggio ecologico vicino a Mrkonjic Grad, situato in una valle di pini nella quale passa l’omonimo ruscello.
Denis Kajić -Il villaggio è formato da antichi mulini ricostruiti che ora servono per alloggiare gli ospiti e anche come sede del Movimento Ecologico “Zelenkovac” e della galleria d’Arte “Zašto nije otišao Boro”. A Zelenkovac si sono tenuti i “Green Days” di quest’anno, tre giorni di incontro di gruppi e individui che lavorano sullo sviluppo del turismo responsabile, di cui abbiamo già scritto nelle nostre pagine.(continua)

Etno villaggio Latkovac
Il villaggio Latkovac si trova sul territorio del comune di Aleksandrovac, a 220 chilometri da Belgrado, ai piedi dei monti Kopaonik, Goc e Zeljin.
Sanja Knežević -Lo sapevate che nel cuore della Serbia esiste un villaggio che vi porterà nel labirinto magico della storia raccontandovi del suo favoloso passato? Il villaggio in cui la favola vive quotidianamente e nel quale, con un po’ di fortuna, potete incontrare esseri mitici della nostra tradizione… fata Ravijojla, Perun (il dio del tuono), Orej…(continua)

Guida “Sapori d’Erzegovina”
Conferenza Stampa di presentazione della Guida “Sapori D’Erzegovina” 07.09.2007
La Guida ‚”Sapori d’Erzegovina“ è stata realizzata nell’ambito del progetto ‚”Sapori d’Erzegovina“ finanziato dalla Regione Toscana e con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia di Sarajevo.Il Progetto, implementato dall’ONG italiana UCODEP, si pone l’obiettivo di contribuire al miglioramento delle condizioni socio-economiche della popolazione dell’Erzegovina mediante un’attività di sostegno e valorizzazione dell’agricoltura tradizionale.(continua)

A nozze con la Macedonia: la ‘Galichka svadba’
Il rito di nozze tradizionali che rivive le usanze del passato.
Federico Sicurella (le foto di Daniele Pedretti) -I giovani e le giovani macedoni che vantano un’origine nel minuscolo e antichissimo villaggio di Galichnik, sulle montagne della Macedonia nord-occidentale, godono di un privilegio straordinario, del quale vanno particolarmente orgogliosi/e. Sono gli unici e le uniche ammessi/e a sposarsi nel villaggio stesso, con una bellissima cerimonia dal sapore antico, allietata da danze e musiche, che ha luogo soltanto una volta all’anno.(continua)

Visitando le cime dei Balcani
Musala (2925 m) la cima piu alta dei Balcani.
Vanda Panić -Salire alla Musala, la cima dei Balcani per 8 metri piu alta del famoso Olimpo, e’ molto bello e interessante, e per me e’ una delle salite piu facili, specialmente considerando di che altezza si tratta. Mi sembra che e’ piu’ difficile salire a nostra Ivanšćica. Musala in lingua turca significa: “verso Dio” e si trova dentro parco nazionale Rila.(continua)

Brajcino nella mappa turistica del mondo
Un’idea svizzera per una favola macedone.
Nataša Dokovska -Brajcino si trova a piedi del monte Babe, vicino al parco nazionale di Pelister a soli 15 minuti dal lago di Prespa. Eccellente villaggio macedone incluso nella mappa turistica mondiale sotto il marchio di “turismo ecologico”, ricco di sorgenti, boschi alti e verdi, cime montagnose che attraggono per la loro bellezza, frutteti coltivati a mele a 1.000 metri s.l.m. e fragole che maturano al termine dell’estate.(continua)

Parchi Nazionali del Montenegro
Primo Stato ecologico al mondo
Il Montenegro punta sempre di più ad un turismo sostenibile, rispettoso dell’ambiente naturale. Per la protezione e la conservazione delle bellezze di questo paese, sono stati istituiti 4 parchi nazionali: Durmitor, Monte Lovcen, Biogradska gora, Lago di Scutari(continua)

Green Days
Tre giorni di incontri fra singoli ed organizzazioni che lavorano nel campo del turismo responsabile e della protezione dell’ambiente

Scopo principale dell’incontro è collegare organizazzioni e individui con lo scopo di attivare e supportare collaborazioni. Cuore dell’evento e’ Zelenkovac, un villaggio ecologico situato vicino Mrkonjic Grad. La durata dell’evento è dal 24. al 26. agosto. (continua)

Erzegovina occidentale – video –
Un soffio della terra di Erzegovina
Ottima video-storia sulle risorse turistiche – economiche – culturali della Erzegovina occidentale. Video e’ creato nella produzione della Communita turistica di Cantone dell’Erzegovina Occidentale(continua)

Il turismo sta distruggendo l’Adriatico? –
Degli studi internazionali mostrano che l’80% dell’inquinamento del Mediterraneo arriva dalla terra.
Bojan Stilin -Un milione e 380 mila turisti hanno visitato la costa adriatica a giugno e secondo le previsioni questa cifra salirà a 12 milioni di pernottamenti entro la fine dell’anno. E mentre le istituzioni statali non si occupano delle statistiche sull’inquinamento del mare durante la stagione turistica, le associazioni ambientaliste avvertono che, in questo periodo, l’inquinamento aumenterà da quattro a dieci volte.(continua)

Rainbow in Bosnia Erzegovina –
Raduno della Famiglia Arcobaleno
Denis Kajic – Raduno di Rainbow, conosciuta anche come la tribu di Rainbow, e’ un movimento internazionale ispirato a ideali pacifisti, ecologici e comunitari che organizza raduni in siti naturali isolati in varie localita’ del mondo. Il primo raduno Rainbow si e’ tenuto nel 1969 a San Francisco, in California. “Un incontro totalmente libero e non commerciale delle nostre vite, dei nostri cuori e dei nostri ideali di serenita’, immersi nella Catedrale della Natura”.(continua)

Parchi nazionali dei Balcani – Serbia –
In una serie di articoli vogliamo farvi conoscere parchi nazionali dei Balcani. Primo articolo e’ dedicato a parchi nazionali della Serbia.
Denis Kajic – I Parchi Nazionali occupano un posto particolare nella eredita’ naturale di un paese. Quelli serbi superano il valore delle frontiere di suo paese ed entarno a far’ parte di EUROPARC (Federation of Nature and National Parks of Europe), maggior network europeo che raccoglie più di 400 aree protette nazionali in oltre 38 paesi.(continua)

Festival estivi
Oltre le sue bellezze naturali, i Balcani attraggono molta gente con numerosi festival che si tengono durante il periodo estivo.
Denis Kajic – L’estate e’ la stagione ideale per godersi concerti, spettacoli e altri diversi tipi di programmazioni culturali. Questo articolo nasce dal desiderio di offrire una lista dei festival più significativi che i paesi balcanici offriranno questo anno.(continua)

11ª Festival Interculturale di Mostar (25.06 – 30.06.2007)
il Festival che sta diventando la tradizione di Mostar, promovendo un modo nuovo di fare cultura e di collaborare per costruire la società civile in un ambiente piacevole.
Denis Kajic – La cultura e l’arte sono modi di esprimersi che nascono e si realizzano in libertà e spontaneità. MIF – Festival Interculturale di Mostar già da undici anni promuove la cultura e l’arte nella città di Mostar, con l’obbiettivo di integrare, scambiare e rianimare i valori culturali e artistici persi nel processo di politicizzazione della vita sociale.(continua)

Korcula
Olivera Skoko – Un giro nella città di Marco Polo. In colaborazione con www.b92.net

Già dopo il primo incontro con Korcula si capisce che il tempo previsto non vi basterà per conoscere questa isola in Dalmazia. Clima mite, mare pulito, boschi di pino, un bastione che circondata la parte vecchia della città e molti eventi culturali durante la stagione che inizia con la Festa di Mezz’Anno. Questi elementi in breve descrivono la città che conserva i resti di Santo Todor.(continua)

Nuove iniziative di turismo responsabile in Bosnia-Erzegovina
Bosnia-Erzegovina: viaggio tra natura, cultura e sapori. Periodo: 20-30 settembre
Eugenio Berra – Sono sempre più numerose le iniziative volte alla conoscenza e valorizzazione dei Balcani attraverso viaggi di turismo responsabile. L’associazione “Culture in movimentino”, impegnata a Firenze in attività di promozione culturale e sociale, ha appena presentato il viaggio che dal 20 al 30 settembre porterà un pulmino di turisti alla scoperta della Bosnia-Erzegovina.(continua)

Alla scoperta di Vardiste…
In Vardiste,un villaggio di circa un centinaio di abitanti, si è costituita una piccola cooperativa di donne con l’obiettivo di dare ospitalità a turisti italiani e locali.
Elena Piazza – Alla fine di Maggio è partita la prima esperienza di viaggio della Cooperativa I.So.La in Bosnia-Erzegovina. È stata una prova per testare il percorso che una decina di turisti responsabili farà quest’estate nella Bosnia centrale, dove la cooperativa è presente da anni.(continua)

Per l’inizio – Podgora
Contando fino al 2010: lo sviluppo della rete di eco-villaggi in Bosnia Erzegovina, Montenegro e Serbia
D.Perunicic – Le case vuote, i giardini trascurati e gli avvisi “vendesi” sono un’immagine che si incontra spesso nella campagna montenegrina negli ultimi 15 anni. I mancati investimenti in agricoltura e lo scarso mercato dei prodotti agricoli fanno si che vivere in campagna è oramai sinonimo di vita difficile e lavoro pesante. (continua)

Scopri Albania
Conoscere altri paesi e altre culture unendo
viaggio e coscienza sociale, avventura e solidarietà

di Aventure solidali – Viaggio nella “Terra delle aquile”. Alla scoperta di questo meraviglioso paese per superare pregiudizi, false informazioni e favorire l’incontro tra i popoli (continua)

Stećci
Necropoli medievali in Bosnia Erzegovina
Denis Kajic – Gli Stećci sono tra i più conosciuti esempi dell’eredità culturale della Bosnia Erzegovina. Si tratta di pietre tombali sotto le quali si seppellivano gli abitanti della Bosnia medievale. Al giorno d’oggi sono conservati 60.000 esempi. Abbiamo visitato la necropoli della famiglia Sankovic che si trova nei pressi del villaggio Biskup, comune di Konjic, dove ci sono 115 stecci. (continua)

Made in Bosnia
Nuove opportunità per viaggiare responsabilmente i Balcani
Sara Gigante – Mersiha Musabašić è un giovane artista bosniaca di 28 anni che vive in Italia dal mese di dicembre del 1992. Dopo un periodo iniziale di rifiuto verso la realtà da cui proveniva, Mersiha ha deciso di fare un tentativo per capire quello che era successo alla sua terra. (continua)

Ciro acqueo
Conoscere il sud- est della Bosnia navigando sul fiume Drina
Denis Kajic – Ciro era il treno che, dall’inizio del secolo scorso fino agli anni settanta, collegava il sud -est della Bosnia con il resto del paese ed era una componente importante per lo sviluppo dell’economia della regione e il mezzo di trasporto più adatto a tutti. Ora una sua lontana cugina, la nave chiamata “Ciro acqueo”, naviga sui fiumi Drina e Lim, seguendo la linea ferroviaria di quei tempi. (continua)

I luoghi dei glagoliti
Un pomeriggio tra le dolci colline di Hum (Colmo), la città più piccola del mondo nel cuore dell’Istria verde (Croazia).
Sara Gigante – La strada che conduce a Colmo (Hum) è ancora il sentiero antico che, fino a qualche decennio fa, era percorribile soltanto a piedi o a cavallo. La vegetazione è fitta, il sole penetra tra le foglie creando giochi di luci e di colori, l’aria fresca, pulita e leggera. (continua)

Nella ćaršija di Bitola, per scoprire gli odori ed i sapori tradizionali
Viaggio nella città che conserva memorie d’Oriente con lo sguardo rivolto ad Occidente.
Sara Gigante – Bitola, conosciuta anche come la città dei consoli, è situata sull’antica via Ignatia che collegava Salonicco con la costa adriatica. Secondo le stime è, per grandezza, la seconda città della Macedonia ed è situata nel sud-ovest del paese.. (continua)

La ricostruzione delle case di legno in Posavina
Ridare la vita alle case vecchie
Denis Kajic – L’architettura tradizionale rappresenta un fattore importante per la conservazione dell’eredità culturale di un paese. Per questo in Croazia sono sempre più presenti le istituzioni statali, fondi e organizzazioni che fanno parte dei progetti di ricostruzione e revitalizzazione dell’eredità di architettura tradizionale e valorizzazione del suo potenziale turistico. (continua)

L’organizzazione Green Tour propone eventi estivi a contatto con la natura.
Festival e biciclette per un’ estate nel verde della natura della Bosnia Erzegovina

Amar Colahodzic e Emir Derviševic – Green Tour è un’ importante organizzazione giovanile che si occupa della promozione e dello sviluppo dell’ecoturismo come approccio responsabile all’ambiente, con un particolare riguardo alla protezione alla preservazione, al miglioramento della comprensione culturale e del territorio come al miglioramento dei materiali e della condizione sociale della popolazione. (continua)

Respirando l’alba di Belgrado
Una passeggiata al sorgere del sole nela metropoli balcanica alla ricerca delle sue belezze e dei suoi segreti.

Sara Gigante e Marco Gianbattista – L’impatto ideale con una città come Belgrado, ricchissima di storia e di cultura e dal passato recente controverso, è quello dell’alba, quando la notte lascia il posto al giorno ed i palazzi e le strade si tingono di un mite, pallido rossore. (continua)

Turismo rurale in Serbia
Il valore più grande delle vacanze in campagna in Serbia è la natura intatta, acqua e aria pulita, cibo sano e ospitalità dei contadini.

Denis Kajić – “Internet klub” è un’organizzazione non-profit serba che ha riconosciuto il potenziale che si trova nello sviluppo del turismo rurale e con l’ aiuto del Ministero dell’Agricoltura e Silvicoltura ha messo in moto il progetto “La vacanza in campagna” (continua)

Riaperto monumento nazionale “casa della famiglia Kršlak” a Jajce
Giovedì, 29.03.2007, a Jajce, è stata riaperta dopo il restauro la casa di Ibrahim-beg Kršlak, come parte del progetto del Consiglio Britannico “Eredita culturale – Sentiero dei re”.

Jajce è una città ricca di storia e monumenti candidata alla lista del Patrimonio Mondiale Unesco. Prima della conquista turca nel XV secolo Jajce fu residenza dei re cristiani in Bosnia, e per un breve periodo nel XX secolo fu la capitale della Iugoslavia liberata. (continua)

Grotta di Postojna (Postumia)
Visita della Grotta di Postumia.
In colaborazione con www.b92.net

di Slavica Trazivuk – La bellezza delle grotte di Postumia suscita un grande stupore per quello che la Natura, il fiume Pivka e forse i nani, goccia dopo goccia, giorno dopo giorno, sono riusciti a realizzare in milioni di anni. Le grotte erano famose già nel Medioevo e oggi rappresentano una destinazione inevitabile in tutte guide turistiche, uno dei simboli della Slovenia. (continua)

Le rotte perdute dei pirati Uscocchi
L’associazione Adrionauti www.adrionauti.org, in collaborazione con l’associazione sportivo dilettantistica Mondolasco www.mondolasco.it, vi propone due possibili itinerari in barca a vela.

Il primo con partenza da Ravenna, percorso tra le isole croate dell’alto Adriatico e ritorno su Ravenna dal 9 al 16 giugno, il secondo con partenza da Ravenna, percorso tra le isole croate dell’alto Adriatico e ritorno su Ancona dal 16 al 23 giugno. (continua)

Valorizzazione del turismo ambientale nel sud est Europeo
Incontro dei partner.
Mostar, Camera di Commercio Federale, martedì 3 aprile 2007

La conferenza costituisce il lancio ufficiale del progetto regionale “Valorizzazione del turismo ambientale nel sud est europeo” finanziato dalla Regione Toscana e volto a innescare un processo di valorizzazione turistica in tre aree distinte (Bosnia Erzegovina, Macedonia e Kosovo), ma con caratteristiche affini, che pur preservando la propria specificità di prodotto, possono essere unificate dalla tipologia della risorsa turistica e dal comune target di mercato. (continua)

Eco turismo a Nevesinje e Velez
Foreste, campi e valli attraversate da fiumi questa regione dell’Erzegovina rappresenta un vero paradiso per gli amanti della natura ed è il posto ideale per chi voglia fare alpinismo, ciclismo o semplicemente riposare.

di Denis Kajic -Una regione ricca che grazie al supporto di JICA (Agenzia giapponese per la cooperazione internazionale) e l’aiuto del Governo Giapponese, avvia a Nevesinje uno progetto pilota di eco-turismo il cui scopo è promuovere forme di autosostenibilita’ attraverso lo sviluppo di forme di turismo ecologico. (continua)

Turismo sostenibile a nord del Montenegro
Il Centro per le iniziative dello sviluppo del turismo sostenibile e’ un’ organizzazione non governativa che opera sulla promozione del prodotto turistico della parte nord del Montenegro.

di Denis Kajic -Il Centro e’stato fondato nel 2006 con il supporto dell’Agenzia Americana per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e l’organizzazione CHF International, all’interno del programma di sviluppo economico locale CRDA-E. (continua)

Le vie del turismo responsabile
Visitate Breza e Vardiste. Una citta che ancora lascia l’impressione di essere paese dei minatori.

di Denis Kajic -Cercando delle destinazioni interessanti e personaggi che cercano di mettere a frutto le proprie potenzialita’ per lo sviluppo di turismo responsabile in Bosnia Erzegovina, siamo partiti per Breza, una piccola città di 14000 abitanti situata nella Bosnia centrale. (continua)

Rustica – “Custodi di semi e specie locali”
Rustica e’ un’organizazione che ha come suo fondamento l’obbiettivo di occuparsi della conservazione e sviluppo della biodiversita’ ed eredità/tradizione contadina.

Suoi componenti già da anni si occupano della raccolta e scambio di semi appartenenti alle specie locali autoctone. Un’iniziativa da lodare in questi tempi che sempre più tendono a usare e a promuovere biotecnologie che fanno dell’agricoltura e produzione di cibo un laboratorio di chimica e di prodotti geneticamente modificati. (continua)

Turismo religioso in Macedonia
Alla ricerca del senso. La visita ai Monasteri macedoni

di Nataša Dokovska – Il turismo religioso in Macedonia e’ cominciato con la ricostruzione degli alloggi, e la riattivazione delle tradizionali occupazioni dei monasteri come la produzione del cibo. Pionieri di questa forma di turismo sono stati il monstero Sv. Leontij a Vodocha e monastero Sv. Presveta Bogorodica a Veljusha.(continua)

Eco-turismo in Bulgaria
Le possibilità di sviluppo di eco-turismo in Bulgaria, presso dall’Osservatorio sui Balcani (www.osservatoriobalcani.org)

di Tanya Mangalakova – Lo sviluppo del settore turistico tradizionale comporta il rischio della distruzione dei paesaggi naturali, vero patrimonio del paese. Le potenzialità dell’eco-turismo in Bulgaria secondo gli esperti intervenuti a Sofia alla conferenza “Bulgaria, dream area”(continua)

Tikvesh – il cuore di vino della Macedonia
Questa volta presentiamo un famoso vino macedone, che riunisce in se qualità e tradizione.

di Sara Gigante e Stefano Stabile – Il Vino è la Poesia della Terra, il suo canto verso il Cielo. Un bicchiere di Vino oltre ad accompagnare il cibo ad inebriarci piacevolmente, racconta della Civilta’, della Storia, della fatica e dell’amore degli uomini che gli hanno dato la vita.(continua)

La Rete degli ecovillaggi dei Balcani
L’articolo che presenta la rete di ecovilaggi dei Balcani preso dalle pagine internet www.ekosela.org

La Rete di ecovilaggi dei Balcani è una rete registrata di associazioni che opera sul territorio dei Balcani e abbraccia 12 organizzazioni non governative, interessate nel lavoro, offerta d’aiuto in permacultura e sviluppo di tecnologie non aggressive nei confronti dell’ambiente.(continua)

Guidare lungo la baia- l’impatto emotivo con il Montenegro.
Montenegro: fra le Bocche del Cattaro e Budva.
Una bellezza riconosciuta dall’Unesco e tutta da scoprire

di Sara Gigante – Molto spesso, quando si affronta un viaggio di breve o di lunga durata, la mente ha bisogno di prepararsi e di adattarsi in qualche maniera all’idea di mettersi in movimento, di spezzare la routine dei giorni tutti uguali, di preparare il necessario alla “spedizione”.(continua)

Staze, sentieri – Amare e vivere la montagna
Sentieri. Pianificazione, segnaletica e manutenzione un’occasione per parlare di montagna, incontrare la Bosnia Herzegovina e pensare insieme uno sviluppo economico lungo le piste del turismo responsabile.

di Michele Nardelli – S’intitola “Staze. Planiranje, znakovi i održavanje” (Sentieri. Pianificazione, segnaletica e manutenzione). E’ il manuale della SAT (la sezione trentina del Club Alpino Italiano) che è stato recentemente tradotto in serbo-croato-bosniaco perché potesse diventare uno strumento di riavvicinamento e di smilitarizzazione delle montagne, in Bosnia Erzegovina come in Serbia o in Kosovo.(continua)

Sarajevo centro della poesia. Quinta edizione degli Incontri internazionali di poesia, 13- 15 ottobre 2006
Una struttura bilingue (italiano, serbo-croato-bosniaco) e un’offerta di viaggio pensata ad hoc fanno degli Incontri un appuntamento imperdibile per gli/le amanti della poesia. Un’occasione speciale per viaggiatori e viaggiatrici consapevoli di conoscere i Balcani.

di Federico Sicurella – “Non abbiate fretta di diventare poeti, ragazzi / prolungate il più a lungo possibile i preliminari” recita una poesia di Izet Sarajlić, uno tra i più illustri poeti dell’Est Europa nonché voce appassionata della tragedia bosniaca.(continua)

In viaggio: la Jugoslavia nella Jugoslavia
Le possibilità turistiche della Bosnia Erzegovina, esplorate in un articolo e proposte alla riflessione di chi viaggia dall’Osservatorio sui Balcani.

di Vittorio Filippi – E’ possibile fare turismo in Bosnia? Se la vacanza è ”vuoto”, da occupazioni e preoccupazioni, allora non si presta a tutto questo. Diverso se si vuole recuperare il profondo senso di viaggiare.(continua)

Il nuovo sito “Sapori d’Erzegovina”
“Sapori d’Erzegovina” – è un progetto di cooperazione internazionale iniziato a novembre 2005 con l’obiettivo di favorire “uno sviluppo equilibrato e sostenibile delle zone rurali” dell’Erzegovina

di Denis Kajić – Siamo lieti di presentarvi il nuovo sito web del progetto: “Sapori d’Erzegovina”, www.okusihercegovinu.org, frutto di un lavoro di ricerca sul campo condotto con l’obiettivo di raccogliere e mettere a vostra disposizione informazioni utili sul territorio erzegovinese. (continua)

Trieste-Sarajevo in bicicletta. Diario di viaggio.
Italia, Slovenia, Croazia e Bosnia; quattro Paesi in altrettanti giorni di viaggio. Sono già molti i paesaggi che hanno fatto da cornice alle prime tappe del viaggio da Trieste a Sarajevo che i trenta partecipanti hanno deciso di intraprendere accompagnati solamente dalla loro bicicletta.

Ružica: la rosellina all’occhiello della biciclistica Trieste-Sarajevo.
La gente di Ružica, quartiere con forte presenza di Rom alla periferia di Bihać (Bosnia Erzegovina), dà prova del suo forte spirito di comunità in occasione dell’arrivo dei ciclisti.

di Federico Sicurella – A sentire Paola Lucchesi, la donna che da più di cinque anni spende le sue inesauribili energie nella promozione turistica della splendida Valle di Smeraldo (Smaragdna Dolina) e delle comunità locali che la abitano, Ružica (in lingua locale: “rosellina”) è un fiore raro, da tenere sott’occhio. (continua)

Pedalare i Balcani. Turismo responsabile su due ruote.
Si moltiplicano le iniziative biciclistiche nella regione, all’insegna della riscoperta di dimensioni dimenticate, di paesaggi umani autentici, di ritmi più sostenibili. Il nuovo avanza in bicicletta.

di Federico Sicurella – Il fascino un po’ retrò della bicicletta, veicolo di stupefacente perfezione meccanica e per moltissimi/e inseparabile compagna di vita, si rinnova e si attualizza nelle forme concrete del turismo solidale. (continua)

Da Trieste a Sarajevo in bicicletta
(4 giugno – 18 giugno 2006)
La manifestazione cicloturistica Trieste – Sarajevo prevista per la primavera 2006 (4 giugno -18 giugno 2006) si inserisce in un progetto che da tre anni alcune associazioni trentine stanno promuovendo nell’area dei Balcani: “Incontri con l’altra Europa- I Balcani in un percorso di turismo responsabile” con l’obiettivo di diffondere la pratica e la cultura di questa modalità di fare turismo per contribuire alla rinascita economica e sociale delle aree coinvolte attraverso forme di sviluppo autosostenibile. (continua)fake locman watches
watch station replica
replica watches wholesale