5 Giugno 2012 | Bosnia-Erzegovina | viaggi di formazione

I viaggi formativi di ViB – Parte V

I viaggi formativi di ViB – Parte V

Dall’inizio dell’anno 2012 dieci classi (in tutto circa 300 ragazzi) provenienti da tutta Italia (Veneto, Lombardia, Lazio e Trentino) hanno potuto partecipare ai due percorsi formativi proposti da ViB: il viaggio in Bosnia “Memorie del secolo breve” ed il viaggio “Confine Orientale”.  Qui di seguito alcune foto e una breve riflessione dello studente Paolo Bosi (Liceo Marconi – Conegliano Veneto).

 

 

Sono Paolo Bosi, uno studente di quinta del liceo scientifico “G. Marconi” di Conegliano (TV). Ho partecipato al viaggio d’istruzione in Bosnia ed Erzegovina organizzato dall’associazione “Viaggiare i Balcani”. Questo viaggio si è dimostrato interessante perché mi ha fatto conoscere una realtà che finora avevo letto solamente sui libri o ne avevo sentito parlare. Se penso che circa venti anni fa in un paese abbastanza vicino al nostro è scoppiata una guerra del genere mi vengono i brividi; mi ha colpito soprattutto il fatto che siano ancora presenti sia i segni materiali che psicologici della guerra ma, per fortuna, la gente cerca di dimenticare e di uscire da questo stato negativo. Qui di seguito è presente un piccolo reportage di alcune foto scattate durante il viaggio. La maggior parte di queste sono di Sarajevo (foto notturne e diurne del centro storico, cimitero ebraico e ponte latino di pietra dove è avvenuto l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando e di sua moglie Sofia per mano dello studente serbo Gavrilo Princip) e di Mostar (vie cittadine e ponte di Mostar). Da queste foto per fortuna si evincono anche aspetti positivi, di rinascita di questo paese, la ricostruzione e la voglia di rivivere la normalità.

Paolo

Foto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo BosiFoto di Paolo Bosi