12 Maggio 2011 | Macedonia | viaggio

Ohrid gioiello della Macedonia.

Ohrid gioiello della Macedonia.

 di Alberta Gulicovska – Un invito al viaggio in Macedonia, per scoprire l’incantevole Ohrid. Lasciti bizantini, università medioevali e antiche fortezze l’hanno fatta diventare patrimonio dell’umanità Unesco. Riceviamo e volentieri pubblichiamo. fonte: http://ocrida.wordpress.com/

Era Agosto, quando ho deciso che avevo bisogno di una pausa dalla routine quotidiana. Con un gruppo di amici abbiamo preso un traghetto da Bari a Durazzo curiosi di scoprire cosa c’è dall’altra parte dell’Adriatico. Il primo giorno dopo il nostro arrivo abbiamo esplorato la città e poi, dopo un breve dilemma abbiamo deciso di proseguire verso est. Eravamo un po’ preoccupati per le condizioni delle strade ma per fortuna ultimamente la maggior parte di esse sono state completamente ristrutturate. Dalla capitale Tirana abbiamo noleggiato un minibus che di solito va a Korca, ma abbiamo concordato con il conducente per portarci alla frontiera con la Macedonia Kafa San (Qafa e Thanës). Il viaggio è durato circa 4 ore. Sul lato macedone c’erano paio di tassisti in attesa di clienti potenziali.

Image and video hosting by TinyPic

La città di Struga è a soli 5 km dalla frontiera. E` una piccola, carina città sul lago di Ohrid (che separa l’Albania e la Macedonia). Ancora, abbiamo deciso di visitare Ohrid dopo aver letto un articolo su questo luogo. E` a buon mercato utilizzare i servizi taxi in Macedonia, ma mi raccomando di negoziare prima in ogni caso. La distanza tra Struga e Ohrid è di 14 km. Ocrida è un posto che mi ha davvero affascinato e preso. Il paessaggio è stupendo, l’acqua di questo lago si può bere. Questo lago è una delle riserve naturali e biologiche più grandi d’Europa. La città di Ohrid ha più di 6000 anni di storia: per il suo valore storico e culturale è oggi patrimonio dell’umanità sotto l’egida dell’Unesco. Reperti ripercorrono la sua storia, quando Ohrid si chiamava Lihnidos, durante il periodo antico macedone. Durante l’epoca romana questa città conobbe un periodo di splendore: si trovava sull’antica “Via Ignatia”, che da Roma collegava Durazzo, Ohrid, Salonicco e Costantinopoli. A testimoniare questo periodo i resti delle basiliche romane, le fortezze, gli acquedotti, i mosaici (per mancanza di fondi protetti dalla sabbia per evitarne il deterioramento). Sotto il dominio di Bisanzio, Ohrid divenne la principale sede vescovile della Macedonia.

Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic