24 febbraio 2016 | Balcani | viaggi di formazione

Proposte

 

CONFINE ORIENTALE: ATTORNO AL GIORNO DEL RICORDO (TRIESTE, GORIZIA)

Il 30 marzo 2004 è stata promulgata la legge n.92/2004, che riconosce il 10 febbraio come “Giorno del ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.

Tali vicende tuttavia non si esauriscono nel delicato tema delle foibe – ancora oggi caratterizzato da polemiche e opposte prese di posizione -, ma al contrario, allargando lo sguardo, si scorgono in esse e nei luoghi su cui si sono consumate tutte le grandi tematiche che hanno contraddistinto il Novecento europeo: i totalitarismi con le loro tristi derive concentrazionarie, le città divise, la costruzione di un’Europa “allargata” a Est, coi suoi nuovi confini…

Scarica l’offerta formativa per l’anno scolastico 2016-2017

 

MEMORIE DEL SECOLO BREVE (BOSNIA-ERZEGOVINA)

Da sempre terra di confine e frontiera, la Bosnia-Erzegovina è stata (e in parte è ancora) una grande lezione di tolleranza religiosa e convivenza multietnica. Qui la comunità trentina ha coltivato nel corso degli ultimi quindici anni numerose relazioni di cooperazione comunitaria, in particolare nella città di Prijedor, teatro durante la guerra di una feroce pulizia etnica e divenuta oggi il simbolo di un ritorno – coi suoi venticinquemila bosgnacchi rientrati, caso pressochè unico in Bosnia-Erzegovina – e di una “rinascita” possibili.

Andare alla scoperta di quest’area “così vicina e così lontana”, seguendo percorsi di cooperazione virtuosi e intelligenti, rappresenta quindi un’occasione unica per iniziare ad aprirci verso l’altro da sé senza paure o pregiudizi: ad abitare il nostro tempo, la sua complessità, in modo finalmente consapevole.

Scarica l’offerta formativa per l’anno scolastico 2016-2017