21 marzo 2017 | Balcani | cicloturismo

Da Villach A trieste, dalla Mitteleuropa al Mediterraneo. Dal 27 agosto al 2 settembre 2017

Immaginate un itinerario capace di proporre al viaggiatore continui cambi di scenario: dalle verdi valli alpine punteggiate di caratteristici paesini al tuffo nel blu del Mare Adriatico.

Un percorso attraverso dolci colline dai pregiati vini, fertili pianure e lande pietrose, torrenti impetuosi e spettacolari formazioni carsiche, villaggi rurali e borghi fortificati, capitali longobarde, porti imperiali e d’impronta veneta.

Questa proposta di viaggio è in grado di offrire tutto ciò, abbracciando Mitteleuropa, Slavia e Mediterraneo, terre di confine arricchite da una pluralità di lingue e culture che hanno plasmato l’identità della popolazione.

Iniziando dal cuore della Carinzia e dal fascino raffinato di Villach, imbocchiamo la Ciclovia AlpeAdria lungo il tracciato della ex-ferrovia Pontebbana, premiata nel 2015 come ciclabile dell’anno alla Fiera del Turismo di Amsterdam e vincitrice dell’Italian Green Award 2016. Nella seconda metà del viaggio, l’itinerario va a riscoprire, ad un secolo di distanza, i luoghi dei tragici eventi che hanno caratterizzato la Grande Guerra sul Fronte dell’Isonzo, per finire sul mare, tra la vivacità multiculturale di Trieste e l’intimo nucleo veneziano di Muggia. A tavola, le fatiche del cicloviaggiatore saranno ripagate da una ricca e saporita offerta enogastronomica.

 

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO

KM TOTALI: 260

DURATA: 7 giorni/6 notti (5 giorni in bicicletta)

DIFFICOLTA’: media

 

Primo giorno – VILLACH (Austria)

Ritrovo a Villach nel tardo pomeriggio. Incontro con l’accompagnatore, briefing sul cicloviaggio, sistemazione delle biciclette. Per chi arriva in automobile, è possibile lasciare la stessa presso l’Hotel San Rocco a Muggia (TS) e raggiungere Villach con minibus dedicato. Cena e pernottamento in hotel.

 

Secondo giorno – VILLACH – VALBRUNA 45 km (350 mt dislivello)

Prima colazione in hotel. Partenza lungo le ciclopiste Drauradweg e Karnische Radweg, costeggiando il corso dei fiumi Drava e Gail ai piedi della Villacher Alpe e del parco naturale del Dobratsch. Superando gli ordinati abitati della vallata austriaca, si entra in Italia in corrispondenza della sua estremità nordorientale, ossia a Tarvisio, cittadina di origine romana, collocata in una conca che è sempre stata importante crocevia commerciale e contaminazione culturale. Tra verdi prati si supera la Sella di Camporosso, spartiacque tra il bacino del Mar Nero e del Mar Adriatico, per raggiungere il villaggio alpino di Valbruna con le sue suggestive vedute sulle Alpi Giulie. Cena e pernottamento in hotel.

 

Terzo giorno – VALBRUNA – UDINE 60 km (100 mt dislivello)

Prima colazione in hotel. In leggera discesa lungo il tracciato dell’ex ferrovia Pontebbana e ai piedi della rigogliosa e millenaria Foresta di Tarvisio, si attraversano i piccoli paesini di montagna della Val Canale, per secoli possedimento dei Vescovi di Bamberga. Si giunge a Pontebba, ove era situato il confine tra la Repubblica di Venezia e l’Impero Austro-Ungarico. Da qui la valle si restringe e ci si addentra nel tratto più suggestivo del percorso, attraverso i boschi e le pareti a strapiombo del Canal del Ferro, lungo gallerie e ponti spettacolari sopra il fiume Fella. Sosta a Chiusaforte, nell’ex stazione ferroviaria oggi trasformata in bicigrill. Quasi allo sbocco sulla pianura, si incontra il borgo fortificato di Venzone, quarant’anni fa profondamente ferito dal terremoto ed oggi uno dei “borghi più belli d’Italia”. Da qui, con un breve passaggio in treno, si arriva a Udine, capoluogo friulano caratterizzato da piazze d’impronta veneziana, palazzi antichi e capolavori di Gianbattista Tiepolo. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

 

Quarto giorno – UDINE – GORIZIA55 km(200 mt dislivello)

Prima colazione in hotel. Lasciato il tracciato della Ciclovia Alpe Adria, da Udine si attraversa la campagna friulana lungo un itinerario ciclabile che porta a Cividale del Friuli, capitale longobarda del Friuli. Passeggiata tra le stradine del centro storico sino al Tempietto Longobardo, straordinario compendio di architettura e scultura altomedievale, patrimonio dell’umanità Unesco. Nel pomeriggio, le colline dei rinomati vini del Collio (proposta una degustazione), fanno da cornice al percorso che porta a Gorizia, la “Berlino d’Italia”: città divisa dal confine imposto dopo la Seconda Guerra Mondiale che ha diviso le comunità imponendo un rigido muro di separazione. Per la sua posizione e per la sua storia, la città è uno dei punti di congiunzione fra mondo latino, slavo e germanico. Oggi si respira una nuova atmosfera multiculturale, da scoprire anche nelle tipicità enogastronomiche. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

 

Quinto giorno – GORIZIA – TOMADIO (TOMAJ) 50 km(400 mt dislivello)

Prima colazione in hotel e visita guidata al Museo della Grande Guerra situato nel Castello di Gorizia. Lasciando la città in direzione Sud, a cavallo del confine tra Italia e Slovenia, si sale sull’altopiano carsico, oggi silente testimone di un capitolo tragico della Storia del Novecento: le terribili battaglie sul fronte dell’Isonzo tra il 1915 e il 1917 tra gli eserciti italiano ed austroungarico. Incontro con un esperto che racconterà dei luoghi e delle vicende belliche nella zona. Si pedala lungo i saliscendi delle strade secondarie che attraversano i piccoli borghi contadini del Carso sloveno, in un paesaggio spiccatamente rurale tra doline e tenute vinicole in cui dominano l’asprezza del Terrano ed il fresco fruttato della Vitovska. Nel tardo pomeriggio si raggiunge l’agriturismo per la cena ed il pernottamento.

 

Sesto giorno – TOMADIO (TOMAJ) – MUGGIA 50 km(350 mt dislivello)

Prima colazione in agriturismo. Percorrendo strade minori con tratti di sterrato si arriva alle Grotte di S.Canziano (Škocjanske Jame), patrimonio dell’Unesco, ecosistema eccezionale ricco di fenomeni di carsismo superficiale e di profondità. E’ il punto in cui il fiume Timavo (Reka) scompare nel sottosuolo, percorrendo uno spettacolare canyon con enormi sale e piccoli sifoni, per riemergere 34 km più avanti nei pressi del Golfo di Trieste. Pranzo in agriturismo (opzionale). Nel pomeriggio, pedalando in costante discesa sulla pista ciclopedonale Giordano Cottur – realizzata sul tracciato dell’ex ferrovia Trieste-Erpelle – si attraversa il Parco Naturale della Val Rosandra fino al centro di Trieste. Città cosmopolita dalla “scontrosa grazia” (nella definizione del poeta Umberto Saba) è considerata una “piccola Vienna sul mare”, con ottimi Caffè e la sua bora impetuosa. Trasferimento con motonave a Muggia, primo assaggio della penisola istriana. Cena e pernottamento in hotel.

 

Settimo giorno – MUGGIA

Prima colazione in hotel, saluti e termine del viaggio.

 

QUOTA DI ADESIONE: € 680,00

Supplemento stanza singola euro 95,00

 
 

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE COMPRENDE: Accompagnatore dall’Italia per tutta la durata del tour # Trattamento di mezza pensione come da programma, in hotel ***/**** e agriturismo (con piscina) # Trasporto bagagli da hotel a hotel # Assicurazione medico e bagaglio.

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE NON COMPRENDE: Viaggio A/R dall’Italia # Trasferimento il primo giorno in minibus Trieste-Villach # Trasferimento in treno il terzo giorno e passaggio in motonave il sesto giorno # Pranzi e bevande ai pasti, degustazioni, ingressi e visite facoltative, extra personali e in genere e tutto quanto non espressamente indicato nella voce “La quota comprende”.

Assicurazione annullamento su richiesta.

EVENTUALE NOLEGGIO BICICLETTA: € 50,00 (trekking bike) – € 150,00 (E-MTBike) (se disponibile.

LIVELLO DI DIFFICOLTA’ / TIPOLOGIA DI TRACCIATO: MEDIO / ASFALTO 90% (50% SU PISTA CICLABILE, 50% SU STRADE SECONDARIE A BASSO LIVELLO DI TRAFFICO)

DOCUMENTI DI VIAGGIO NECESSARI: carta d’identità valida per l’espatrio in corso di validità (senza rinnovo con timbro) o in alternativa passaporto bollato e in corso di validità

ISCRIZIONI SINO AD ESAURIMENTO POSTI

ACCONTO DI € 150,00 DA VERSARE ALL’ATTO DELL’ISCRIZIONE – SALDO ENTRO IL 28.07.2017

NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI = 8

Se il numero minimo non verrà raggiunto 20 giorni prima della partenza, il viaggio verrà annullato e l’acconto versato interamente restituito

POSSIBILE LA VALUTAZIONE DI ALTRE DATE PER GRUPPI PRECOSTITUITI

 

PER INFORMAZIONI TECNICHE O RIGUARDANTI IL PERCORSO info@viaggiareslow.it oppure 348-26.34.776 (Mauro)

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI daniele.bilotta@viaggiareibalcani.net oppure 0464-43.15.07 (ETLI-VIB Daniele Bilotta)

 

ORGANIZZAZIONE TECNICA

Agenzia Viaggi ETLI-TN, Soc. Coop Rovereto – Corso Rosmini, 82\A 38068 Rovereto (TN) N. Reg. A157038 – Compagnia assicurativa: UNIPOL / Num. polizza: 1949 65 50623055