• Siete in: home >
  • Proposte di viaggio

20.03.2017 | Croazia | cicloturismo | 

Quarnero in bicicletta da Trieste a Lussino, tra Ciceria e Adriatico. Dal 25 giugno al 1 luglio 2017

Un itinerario alla scoperta del Quarnero e dell’arcipelago delle isole Absirtidi (Cherso e Lussino), una lama di roccia nel blu dell’Adriatico. Un viaggio inconsueto lungo strade minori e paesaggi mutevoli, lungo la terra dei “Cici” - antichi abitanti di radice romena, insediati nella parte più interna ed inospitale della regione. 

Terra di pastori, aspra e povera, fatta di montagne lontane dal mare e dalle rotte commerciali e turistiche. Qui veniva prodotto il carbone vegetale che fino al secolo scorso veniva portato con i carri nelle città di Trieste, Fiume/Rijeka e Capodistria/Koper. Forte è il contrasto con la contigua regione costiera della Liburnia, ricca di genti, contaminazioni e turisti.

Da qui raggiungiamo le isole di Cherso (Cres) e Lussino (Lošinj), attraversando un mare ricco di storie e testimonianze di secoli travagliati, in equilibrio tra l’Occidente latino e l’Oriente balcanico. Sono isole di roccia, impervie, ma dall’affascinante bellezza: abbaglianti pietraie che si specchiano nel blu profondo di acque turchesi.

Un'esperienza in cui si abbina la scoperta di un territorio ruvido e poco conosciuto ad isole ricche di storia e tradizioni.



 


PROGRAMMA DI VIAGGIO



Primo giorno - MUGGIA

Ritrovo dei partecipanti a Muggia nel pomeriggio e sistemazione in hotel. Incontro con l'accompagnatore, briefing sul cicloviaggio, sistemazione delle biciclette. Cena in ristorante e passeggiata lungo calli e piazzette nel centro storico di Muggia. Pernottamento in hotel.

Secondo giorno - MUGGIA – TRIESTE – RODITTI (RODIK) - km 30 – dislivello 600 metri

Prima colazione in hotel. Partenza in bici e traversata del golfo a bordo della motonave. Sbarco a Trieste presso Piazza Unità d'Italia - salotto cittadino sul mare - per scoprire questa città-emporio mediterranea e mitteleuropea. Rinfresco e caffè in un locale storico del centro. Partenza in direzione della panoramica ciclabile “Giordano Cottur”, verso il Carso e la Riserva Naturale della Val Rosandra, lungo il tracciato della ex-ferrovia austro-ungarica Trieste-Erpelle. Passaggio in Slovenia e arrivo a Roditti (Rodik), piccola frazione agricola nel Carso sloveno. Cena e pernottamento in agriturismo.

Terzo giorno – RODITTI (RODIK) – ABBAZIA (OPATIJA) - km 57 – dislivello 500 metri

Prima colazione in agriturismo. Si entra in Croazia attraverso la Ciceria, la regione più nascosta dell’Istria, tra boschi di faggio, lande lontane dal tempo e dal traffico. Merenda tipica presso la “Konoba del Cacciatore”. Salita costante fino ad attraversare il bosco di Castua (Kastav) ed arrivo in discesa sulle rive di Abbazia (Opatija), la perla del Quarnero. La località ospitò a fine Ottocento la ricca borghesia austro-ungarica, lasciando in eredità lussuose residenze e ville in stile liberty a pochi passi dal mare. Tuffo liberatorio nel mare di Abbazia. Cena in ristorante e pernotto in hotel.

Quarto giorno - ABBAZIA (OPATIJA) – CHERSO (CRES) - km 25 – dislivello 500 metri

Prima colazione in hotel. Dalla Riviera liburnica di Abbazia si giunge in barca all’isola di Cherso (Cres) attraverso il Golfo del Quarnero. Raggiunto il piccolo borgo di Caisole (Beli), sentinella solitaria e rifugio dei grifoni, si sale lungo la strada panoramica raggiungendo la sella di Predošćica, punto panoramico di straordinaria bellezza. Da qui si arriva al capoluogo isolano lungo la strada maestra. Tempo libero per una visita alla cittadina, tra la quiete del mandracchio e delle sue calli d'impronta veneta, o per rilassarsi in spiaggia. Cena in ristorante tipico e pernottamento presso affittacamere.

Quinto giorno - CHERSO (CRES) – SAN MARTINO (MARTINŠČICA) - km 40ca. – dislivello 550-650 metri

Prima colazione con vista sul mandracchio e visita all'oleificio chersino. Si pedala sul lungomare della baia di Cherso e lungo la strada panoramica dell'acquedotto per Vallone (Valun). Itinerario tra i muretti a secco che circondano i rinomati uliveti, con la vista dall'alto che abbraccia il blu del golfo. Sosta in un paesino fuori dal tempo, per un assaggio di dolci speciali in compagnia dei pochi abitanti locali. Si pedala lungo strade aspre, scolpite nella roccia a lato del suggestivo lago di Vrana (Vransko Jezero). Possibile variante a Lubenizze (Lubenice), antico borgo romano su un ciglione roccioso dal panorama unico. Arrivo nella baia del piccolo paesino turistico di San Martino (Martinšćica). Cena e pernotto in hotel.

Sesto giorno - SAN MARTINO (MARTINŠČICA) – LUSSINPICCOLO (MALI LOŠINJ) - km 20 - dislivello 100 metri

Prima colazione in hotel. Crociera in barca per raggiungere l’isola di Lussino (Lošinj) lungo la bellissima costa meridionale di Cherso e le piccole isole vicine. Visita alla città dall'importante passato marinaro e al Palazzo Quarnero per ammirare l’Apoxyomenos o Bronzo di Lussino, la celebre statua bimillenaria rinvenuta in tempi recenti sui vicini fondali. Escursione in bici tra Lussingrande (Veli Lošinj), Lussinpiccolo (Mali Lošinj) e la baia di Cigale (Čikat), lungo il porto e le baie dall’acqua turchese, tra la vegetazione lussureggiante e i profumi dell’Adriatico. Non dimenticate il costume! Cena in ristorante e pernotto in hotel. 

Settimo giorno - LUSSINPICCOLO (MALI LOŠINJ) - MUGGIA

Prima colazione in hotel e rientro a Muggia in minibus. Saluti e termine del viaggio.

 

QUOTA DI ADESIONE: € 760,00

Supplemento stanza singola euro 90,00


LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE COMPRENDE
: Accompagnatore dall'Italia per tutta la durata del tour # Trattamento di mezza pensione come da programma # Trasporto bagagli da hotel a hotel # Furgone al seguito # Trasferimento in minibus riservato a Muggia nel corso dell’ultimo giorno # Assicurazione medico e bagaglio.

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE NON COMPRENDE: pranzi, bevande ai pasti, degustazioni ed assaggi, visite guidate ed ingressi, trasferimenti via mare, extra personali e in genere e tutto quanto non espressamente indicatonella voce “La quota comprende”. Assicurazione annullamento su richiesta.

SERVIZI DA SALDARE IN LOCO: Passaggi marittimi come indicati nel programma

EVENTUALE NOLEGGIO BICICLETTA: € 50,00 (trekking bike) – € 150,00 (E-MTBike) (se disponibile)

LIVELLO DI DIFFICOLTA' / TIPOLOGIA DI TRACCIATO: MEDIO - DIFFICILE / ASFALTO 80% - STERRATO 20 %

DOCUMENTI DI VIAGGIO NECESSARI: carta d'identità valida per l'espatrio in corso di validità (senza rinnovo con timbro) o in alternativa passaporto bollato e in corso di validità

ISCRIZIONI SINO AD ESAURIMENTO POSTI

ACCONTO DI € 150,00 DA VERSARE ALL’ATTO DELL’ISCRIZIONE – SALDO ENTRO IL 25.05.2017

NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI = 8

Se il numero minimo non verrà raggiunto 20 giorni prima della partenza, il viaggio verrà annullato e l’acconto versato interamente restituito

POSSIBILE LA VALUTAZIONE DI ALTRE DATE PER GRUPPI PRECOSTITUITI

PER INFORMAZIONI TECNICHE O RIGUARDANTI IL PERCORSO info@viaggiareslow.it oppure 348-26.34.776 (Mauro)

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI daniele.bilotta@viaggiareibalcani.net oppure 0464-43.15.07 (ETLI-VIB Daniele Bilotta)

ORGANIZZAZIONE TECNICA

Agenzia Viaggi ETLI-TN, Soc. Coop Rovereto – Corso Rosmini, 82\A 38068 Rovereto (TN) N. Reg. A157038 - Compagnia assicurativa: UNIPOL / Num. polizza: 1949 65 50623055 

Croazia

Istria, l’Adriatico tranquillo. Un workshop fotografico dal 14 al 17 luglio

Da qualche mese il giornalista Matteo Tacconi e il fotografo Ignacio Maria Coccia stanno viaggiando lungo le coste del Mare Adriatico. La loro idea è dare forma a un racconto articolato, un’indagine adriatica, si potrebbe definire, realizzata con testi, foto, audio e video. 

[continua]



 

Le nostre proposte di viaggio

Quarnero in bicicletta da Trieste a Lussino, tra Ciceria e Adriatico. Dal 25 giugno al 1 luglio 2017

Un itinerario alla scoperta del Quarnero e dell’arcipelago delle isole Absirtidi (Cherso e Lussino), una lama di roccia nel blu dell’Adriatico. Un viaggio inconsueto lungo strade minori e paesaggi mutevoli, lungo la terra dei “Cici” - antichi abitanti di radice romena, insediati nella parte più interna ed inospitale della regione. 

[continua]



dedicato alle scuole

Il progetto

[continua]



Testimonianze dai viaggi passati

[continua]



Proposte

[continua]



Confine orientale: attorno al “Giorno del ricordo”

Il 30 marzo 2004 è stata promulgata la legge n.92/2004, che riconosce il 10 febbraio come “Giorno del ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.    

[continua]



Memorie del “secolo breve”

 Da sempre terra di confine e frontiera, la Bosnia-Erzegovina è stata (e in parte è ancora) una grande lezione di tolleranza religiosa e convivenza multietnica.

[continua]



Libreria

Il leone di Lissa

Sulle orme dell'Abate Fortis che a metà del XVIII secolo percorse le isole della Dalmazia Marzo Magno ci regala uno sguardo attento, curioso, intenso sull'altra sponda dell'Adriatico. Due guerre mondiali, il fascismo, il comunismo, la dissoluzione della Jugoslavia: nel corso dell'ultimo secolo gli eventi politici hanno reso l'Adriatico un mare sempre più largo e l'incomprensione tra le due sponde sempre più profonda.

[continua]



Associazione Viaggiare i Balcani: Via Vicenza 5 - 38068 Rovereto (TN)
tel. +39 3398084928
C.F 96081670224