28 Novembre 2011 | Bosnia-Erzegovina | turismo enogastronomico

Tufahije

Tufahije

di Elisabetta Tiveron e Nicola Fossella. Il dodicesimo post tratto dal Blog “La Strada del cibo“. Al ritorno da ogni viaggio, la voglia di mettersi ai fornelli e riprovare qualche ricetta è davvero forte… Ecco la ricetta di un dolce tipico bosniaco.

.

.

.

Dodicesimo post – 2 luglio 2011

tag: Bosnia Erzegovina, cucina, ricette

Al ritorno da ogni viaggio, la voglia di mettersi ai fornelli e riprovare qualche ricetta è davvero forte.
Detto… fatto.
Questo dolce è molto diffuso in Bosnia, dove è stato introdotto durante la dominazione ottomana (come anche in altri Paesi dell’area balcanica).
Veloce da preparare, rinfrescante… e molto coreografico (anche l’occhio vuole la sua parte!).

Tufahije

Tufahije
(mele cotte alle noci)

4 mele dalla pasta compatta (le comuni Golden vanno benissimo)
300 ml d’acqua
1 cucchiaio di succo di limone
250 gr di zucchero

per il ripieno:
80 gr di noci tritate
40 gr di nocciole tritate
la buccia di 1/2 limone
1 cucchiaio di zucchero
½ cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaio di latte

per guarnire:
panna montata
ciliegie candite

Sbucciare le mele ed eliminare i torsoli (usando l’apposito utensile). Cuocerle nell’acqua con il succo di limone e lo zucchero per circa 15 minuti (rigirandole ogni tanto, se il liquido non dovesse coprirle completamente, in modo che la cottura sia uniforme). Attenzione: devono essere morbide ma rimanere in forma.
Sgocciolarle in un colino e metterle a raffreddare, tenendo da parte lo sciroppo.
Mescolare le noci, le nocciole, la buccia di limone grattugiata, il cucchiaio di zucchero e la cannella, ammorbidendo il tutto con il latte.
Trasferire le mele in coppe da dessert, farcirle con questo composto e irrorarle con lo sciroppo tenuto da parte.
Guarnire ogni mela con un ciuffo di panna montata e una ciliegia candita.
Tenere in frigorifero fino al momento di servire.

CopyrightTesti e fotografie © Elisabetta Tiveron – Nicola Fossella 2011.
Tutti i diritti riservati.
Website: www.lastradadelcibo.com