31 Ottobre 2009 | Balcani

La ferrovia da Herceg Novi a Dubrovnik

La ferrovia da Herceg Novi a Dubrovnik

Il vecchio treno

Montenegro e Croazia hanno partecipato ad un concorso per ottenere fondi dall’Unione Europea per costruire piste pedonali e ciclabili, e una ferrovia, che collega due paesi. La pista dovrebbe essere lunga 20 chilometri dalla parte croata e sette dalla parte montenegrina, seguendo il sentiero della vecchia ferrovia.

Il Quotidiano “Politika” scrive che a Herceg Novi la settimana scorsa sono venuti in visita i rappresentanti dell’Agenzia per la costruzione del cantone Dubrovnik-Neretva e l’Associazione di appassionati delle ferrovie a scartamento ridotto. Insieme all’Agenzia per la costruzione e lo sviluppo di Herceg Novi, l’ONG “I passi” ha visitato il vecchio percorso ferroviario e presentato il piano comune per un progetto turistico e ambientale importante per entrambi i paesi.

“Ripristinare la ferrovia sarebbe un’attrazione turistica eccezionale. La presenza di fondi esteri ci consente di ottenere qualcosa, e dopo la pista l’obiettivo finale è la ferrovia.” ha detto il presidente della Associazione di appassionati delle ferrovie a scartamento ridotto, Marko Bradica.

Sulla pista che alla fase iniziale sarebbe ciclabile e pedonale, è prevista anche la costruzione di due convogli ferroviari per più di due mila passeggeri. Sulla future ferrovie lavorerebbero 39 persone.

Su questo progetto che vale 600 000 euro, l’ UE deciderà entro il 18 Novembre. Se la risposta sarà positiva seguirà una preparazione di documentazione tecnica e selezione delle imprese edili. I lavori inizieranno nel mese di febbraio del prossimo anno.

La realizzazione del progetto durerà due anni. I finanziamenti dovrebbero essere previsti attraverso un programma di cooperazione transfrontaliera IPA, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo.

Dalla parte montenegrina nel progetto sono coinvolti l’Agenzia per la costruzione e lo sviluppo di Herceg Novi e le organizzazioni non governative “I passi”, l’Associazione Ecologica Boka, Monte Alpe Adria e la Societa’ filatelica “Igalo”, mentre dalla parte croata ci sono l’Agenzia di Sviluppo Regionale del cantone Dubrovnik-Neretva e l’Associazione per la rivitalizzazione della ferrovia a scartamento ridotto.

Le ferrovie a scartamento ridotto sono molto popolari nel mondo. Lungo il percorso sono previste altre strutture turistiche attraenti. Secondo quanto comunicato in precedenza, il progetto porterebbe ad un miglioramento significativo alla promozione dell’offerta turistica nella regione.

Il “master plan” montenegrino prevede la costruzione della zona pedonale da Herceg Novi al confine, cosi’ che il progetto comune con la Croazia coincida con la documentazione prevista.

Dunque, la ferrovia a scartamento ridotto che tempo fa portava i turisti da Sarajevo a Dubrovnik e Herceg Novi potrebbe diventare nuovamente realta’. Negli anni trenta del secolo scorso la linea portava i turisti a vari luoghi di Herceg Novi, come per esempio l’albergo “Plaza” dove i binari terminavano. La stazione ferroviaria di Herceg Novi è stata comprata dal famoso regista Emir Kusturica che l’ha fatta diventare cinema e ristorante.

La ferrovia e’ stata dismessa a metà degli anni ’60 ma sono rimaste le sue tracce sulla costa a Herceg Novi, come le traversine ferroviarie in legno sul ponte a Zelenika e un carro a Igalo.

(CG Vijesti)