3 Novembre 2008 | Balcani

Trento (It) – Momdorama (Rassegna di film)

IL GIOCO DEGLI SPECCHI invita a
MONDORAMA

cinema Astra
corso Buonarroti 10, Trento
mercoledì 12-19-26 novembre e 3 dicembre 2008, ore 21
ingresso euro 3,00

Rassegna di film in lingua originale, con sottotitoli in italiano, a cura di Nicola Falcinella.

Mercoledì 12 novembre
“Barakat!” (2005, Algeria, Francia) di Djamila Sahraoui con Rachida Brakni e Fettouma Bouamari

IL GIOCO DEGLI SPECCHI invita a MONDORAMA

cinema Astra
corso Buonarroti 10, Trento
mercoledì 12-19-26 novembre e 3 dicembre 2008, ore 21
ingresso euro 3,00

Rassegna di film in lingua originale, con sottotitoli in italiano, a cura di Nicola Falcinella.

Mercoledì 12 novembre
“Barakat!” (2005, Algeria, Francia) di Djamila Sahraoui con Rachida Brakni e Fettouma Bouamari

Una storia di donne in un Paese ferito dalle violenze. “Barakat!” (“Basta!”), primo lungometraggio dell’algerina Djamila Sahraoui, racconta di due donne in un paese della costa. Siamo negli anni ’90. Amel è una trentacinquenne medico di pronto soccorso che ama divertirsi. Khadidja è invece un’infermiera sessantenne piena di energia. Mentre aspetta il ritorno del marito giornalista, Mourad, Amel viene chiamata a soccorrere il piccolo Bilal, figlio della vicina di casa Nadia e del meccanico Karim. Quando torna a casa l’indomani mattina, la donna scopre che Mourad è scomparso ma Karim ha delle informazioni. Le due donne partono alla ricerca del rapito e finiscono nelle mani di un gruppo islamista segreto. Il film è stato premiato come miglior film africano al Festival del cinema africano, d’Asia e America Latina di Milano nel 2006.

mercoledì 19 novembre
“Nesfarsit – California Dreamin’ (Endless)” di Cristian Nemescu (2007, Romania) con Razvan Vasilescu, Maria Dinulescu, Armand Assante

Il film, che prende il titolo della celebre canzone, racconta cinque giorni in un paesino della Romania nel maggio 1999, durante i bombardamenti Nato sulla Serbia. Un treno con attrezzature dell’esercito americano deve transitare, ma il sindaco del villaggio non gli concede il permesso in assenza di un’autorizzazione scritta. I marines si fermano in paese, tra feste e ragazze con il sogno di andare a vivere negli Usa. Per la giovane figlia del sindaco, Monica, è l’occasione per crescere e capire quello che desidera nella vita smontando le false illusioni. Per il padre, che dominava il villaggio con la sua arroganza, è il momento della resa dei conti. Una pellicola corale di due ore e mezzo, molto intensa, dove il riso e l’amaro si mescolano ma resta un senso di speranza. Nemescu, morto a soli 26 anni poco dopo aver terminato le riprese del film che è stato montato secondo i suoi desideri (anche se “endless – senza fine” del titolo esprime, per il produttore, che il fatto che Nemescu avrebbe magari cambiato qualcosa), possedeva senso della leggerezza e del tragico, della fantapolitica e dei piccoli dettagli. Premio “Un certain regard” al Festival di Cannes 2007.

mercoledì 26 novembre
“Jagoda u Supermarketu – Jagoda: Fragola al supermercato”
(2003, Serbia, Germania, Italia) di Dusan Milic con Branka Katic, Srdjan Todorovic, Mirjana Karanovic, Emir Kusturica

Jagoda significa “fragola” ma è anche il nome della protagonista del film di Dusan Milic, lo sceneggiatore di “Underground”. Una pellicola prodotta da Emir Kusturica che vi fa una rapida apparizione come attore. È una storia, con il consueto mix di follia, violenza e musica, sul passaggio alla democrazia della Serbia. Tutto si svolge dentro il nuovissimo supermercato aperto a Belgrado con uno stile molto americano con le commesse Jagoda e Ljubica, entrambe alla ricerca del grande amore. Il giovane Marko irrompe armato nel negozio e prende un gruppo di ostaggi dichiarandosi ex componente dei reparti speciali e reduce da 10 anni di guerre. Chiede giustizia per la nonna, cui la sera precedente era stata rifiutata una confezione di fragole per essere giunta alla cassa dopo l’orario di chiusura. Jagoda, pur responsabile del fatto che ha scatenato il gesto, solidarizza con il “guerriero”. La gente riunita fuori dal supermarket fa da coro tifando per l’amore ribelle che nasce tra le mura del supermercato. Un film energico, divertente e con tocchi di humor nero.

mercoledì 3 dicembre
“Tirana viti 0 – Tirana anno 0”
(2001, Albania, Francia) di Fatmir Koci con Nevin Mecaj, Ermela Teli
Niku è un giovane ventitreenne che vive a Tirana con i genitori e per vivere si ritrova ad accompagnare un tedesco che ha acquistato un vecchio bunker nel sud del paese e lo vuole trasportare verso il centro Europa. Intanto la sua fidanzata, la bella Klara, non vede l’ora di partire verso l’Italia e sogna un avvenire migliore, magari nel dorato mondo dello spettacolo che vede ogni giorno in tv. E’ l’asse portante di “Tirana, anno zero”, un road-movie ritratto di un’Albania in movimento realizzato dal quarantenne Fatmir Koci, al debutto nel lungometraggio. Presentato alla Mostra di Venezia 2001, il film ha partecipato a festival in tutto il mondo ottenendo diversi riconoscimenti. La vicenda è ambientata nel 1998, ma è un’insieme di storie e situazioni rappresentative dello stato d’animo degli albanesi sulla fine degli anni ’90.