16 Febbraio 2009 | Balcani

Attraversando in zattera il fiume Tara

Attraversando in zattera il fiume Tara

100 anni di tradizione

Mi chiamo Fikret Pendek e sono fondatore e presidente dell’associazione “Adem Pendek” che si occupa di navigazione in zattera sui fiumi Tara e Drina. Appartengo alla quarta generazione della mia famiglia che gia’ da cento anni naviga sulle tradizionali zattere in legno, offrendo la possibilita’ di provare questa esperienza a tutti gli amanti della natura.

Il mio bisnonno Sulejman ha cominciato a navigare in zattera nel 1905, occupandosi del trasporto fluviale dei prodotti in legno e portando in giro ricchi austriaci che supervisionavano i lavori delle aziende forestali, ma anche gustando il fascino di questi irresistibili torrenti di montagna o praticando caccia e pesca. Ha ereditato questo anche il mio nonno Selim che nel 1958, con la fondazione della prima Comunità Turistica a Foca, divenne il primo navigatore professionale in zattera della ex Yugoslavia. Portando in giro per i canyon della Tara e della Drina turisti provenienti da tutto il mondo, il mio nonno ha guadagnato la sua pensione.

Crescendo accanto a mio padre ho navigato sulla Tara per la prima volta a 14 anni, e da quando ho compiuto18 anni ho cominciato a portare in giro i turisti. Finora ho costruito piu’ di 600 zattere utilizzandole tutte per questi attraenti itinerari turistici, da Djurdjevic Tara (Montenegro) a Gorazde (Bosnia Erzegovina). La stessa esperienza hanno avuto miei fratelli Rasim e Dzemo, che insieme a me e un gruppo di amici, continuano con questa tradizione familiare.

Anche se nel passato questo era un lavoro pericoloso ma ben pagato, dai tempi del’Impero Austro-Ungharico la navigazione in zattera era un’impresa e privilegio esclusivo di alcune famiglie che abitavano nella zona di alto flusso del fiume Drina. Attorno al villaggio di Bastasi erano conosciute le famiglie che si occupavano di questo: Pendek, Sabanovic, Celik, Sahinovic, Polovina, Lagarija, Dzelil e Vejo, mentre una trentina di chilometri più in fondo alla valle, nei pressi di Ustikolina, c’erano Sofradzije, Mujezinovici, Osmanspahici, Subasici, Sobe, Uzunovici e Merkezi. A Visegrad queste erano le famiglie di Hasim Pajo, Abid Cocalic e Nurko Cankusic e nel villaggio di Godijevno le famiglie Babice Kovac.

Probabilmente vi chiederete perche nomino queste famigle. La risposta e’ semplice. E’ una grande virtu’ saper scegliere il legno giusto per la zattera, costruirla per un’ comodo e piacevole viaggio e, infine, guidarla con successo. Queste sono le competenze che si imparano dai vecchi esperti nel corso degli anni. Purtroppo c’e sempre meno gente che insegna questo mestiere e la nostra associazione e’ forse l’unica rimasta in Europa ad occuparsi di navigazione in zattera.

Probabilmente avrete notato che decine di agenzie di viaggio in tutta l’ex Jugoslavia offrono pacchetti viaggio di navigazione in zattera, ma si tratta di un inganno, perche quello che offrono è semplicemente rafting con gommoni. Secondo i dati disponibili, in Europa ci sono circa 350 associazioni e club di rafting su gommoni che organizzano percorsi di questo tipo su 54 fiumi europei, compresi quelli di Una, Neretva, Krivaja, Drina, Tara…. e tra questi noi siamo gli unici ad organizzare la navigazione in zattera sui fiumi di Tara e Drina. Pertanto, non perdete tempo e non esitate a contattarci, perché l’esperienza di navigazione sulle più antiche navi del mondo rimane un evento indimenticabile per tutta la vita.

http://www.splavarenje-tara-drveni-splav.com/