22 Febbraio 2008 | Balcani

JugoSlovenia EuroSlovenia

JugoSlovenia EuroSlovenia

Considerata la “Ventunesima regione d’Italia” per la vicinanza geografica al nostro Paese e per i fitti legami storici, sociali ed economici con il confine italiano orientale, la Slovenia offre bellezze naturali e città di grande fascino, tra presente europeo e tracce del passato jugoslavo.

Un itinerario che ci porterà a prendere confidenza con le sorprendenti sfaccettature di un Paese colmo di lati inediti e di sicuro interesse per un viaggiatore curioso e attento.

Considerata la “Ventunesima regione d’Italia” per la vicinanza geografica al nostro Paese e per i fitti legami storici, sociali ed economici con il confine italiano orientale, la Slovenia offre bellezze naturali e città di grande fascino, tra presente europeo e tracce del passato jugoslavo.

Gorizia e Nova Gorica saranno la porta d’ingresso al Paese: città gemelle e divise da un muro per più di cinquant’anni. Da alcuni anni le due comunità hanno iniziato a dialogare, mentre nel 2006 è stata eliminata ogni barriera fisica grazie all’entrata della Slovenia nella cosiddetta area Schengen.

Oltrepasseremo il confine presso il famoso valico della Casa Rossa e visiteremo il Museo del confine, lungo il Piazzale della Transalpina, simbolo della divisione della città. Attraverseremo poi la moderna Nova Gorica, frutto di piani urbanistici degli anni Cinquanta e sviluppatasi nei decenni successivi come polo del divertimento.

Rimarrà aperta la possibilità di visitare i sacrari di Oslavia (in Italia) e di Trnovo (in Slovenia), per dar conto delle vicende della Prima e della Seconda guerra mondiale che hanno segnato questi luoghi.

Il mattino del secondo giorno sarà dedicato alla visita di Lubiana (Ljubljana), capitale della Slovenia, trasformata in un vero salotto urbano, segnata dalla plurisecolare presenza asburgica così come dal potere jugoslavo.
Ammireremo la città dalla rocca dell’antico castello, ci inoltreremo nel ricco mercato cittadino, attraverseremo le antiche strade accanto al fiume Ljubljanica e visiteremo il quartiere della politica e della cultura, con l’inframmezzarsi di edifici classici e contemporanei di stile e prestigio.

Il pomeriggio sarà dedicato allo sforzo di edificazione del Socialismo jugoslavo, con la visita alle città operaie e minerarie di Trbovlje e Hrastnik. Complessi urbani sorti per ospitare lavoratori provenienti dai diversi angoli della Jugoslavia, essi narrano al visitatore la visione e l’impegno del ceto dirigente per trasformare la Slovenia da Paese contadino a traino industriale della Jugoslavia.

Al mattino del terzo giorno visiteremo le grotte di Postumia (Postojnska Jama), dono della natura di inestimabile valore, iscritte nella lista UNESCO del patrimonio dell’umanità.

Il pomeriggio sarà dedicato alla visita di Capodistria (Koper), città costiera dell’Istria slovena, caratterizzata da una fortissima impronta urbanistica e architettonica veneziana, posta a soli 10 km da Trieste e protagonista di una storia di turbolenta contrapposizione di frontiera.

Nella parte finale del pomeriggio vi sarà la possibilità di dialogare con Franco Juri, giornalista, sui temi critici della politica e della società slovene in occasione del semestre della Presidenza slovena dell’Unione europea.

Programma del viaggio

Venerdì 25 aprile:

Partenza da Trento (ore 6.00), con fermata a Padova – Stazione FFSS (ore 8.30).
Schengen dopo la tempesta: visita della città divisa di Gorizia – Nova Gorica e pranzo veloce in città, con possibilità di visita dei sacrari di Oslavia (ITA) e Trnovo (SLO) (ore 11.00-18.00).
Cena e pernottamento a Logatec (ore 20.00).

Sabato 26 aprile:

Partenza da Logatec (ore 8.00).
Il sigillo dell’Impero: visita del centro storico di Lubiana, capitale della Slovenia (ore 9.00-15.00).
Pranzo veloce a Lubiana.
L’edificazione del Socialismo: visita delle città minerarie di Trbovlje e Hrastnik (ore 16.30-18.30).
Cena a Ljubljana (ore 20.00) e pernottamento a Logatec (ore 22.30).

Domenica 27 aprile :

Partenza da Logatec (ore 8.00).
Stupor mundi: visita alle Grotte di Postumia, patrimonio della natura (ore 9.00-12.00).
Pranzo veloce a Postumia.
Le ferite aperte: visita di Capodistria, centro vitale dell’Istria slovena, ed incontro con il giornalista Franco Juri, tra passato, presente e futuro, tra politica e società della realtà slovena (ore 13.30-16.00 – 16.00-18.00).
Arrivo previsto in serata a Padova – Stazione FFSS (ore 20.30) e Trento (ore 23.00).

Quota di partecipazione : € 330,00

La quota di partecipazione comprende: Trasporto in pulmino 19 posti con autista ed accompagnatore # N. 2 pernottamenti con prima colazione # N.2 cene incluse le bevande # Visite guidate ed incontri come da programma # Ingressi ed incontri come da programma #
Assicurazione bagagli e medica.

Documenti necessari: passaporto in corso di validità e/o carta d’identità valida per l’espatrio.

Il viaggio si effettuerà con un numero minimo di 10 partecipanti.
Termine iscrizioni 4 aprile 2008

Per informazioni e prenotazioni:
info@viaggiareibalcani.it oppure 334\2555116

Organizzazione tecnica: Agenzia Viaggi ETLI-TN
Corso Rosmini, 82\A 38068 Rovereto (Tn)