19 Aprile 2006 | Balcani

La Macedonia in breve

La Macedonia si dichiara indipendente nel 1991 ma solo nel 1995 entra a far parte delle Nazioni Unite sotto il nome provvisorio di Former Yugoslav Republic of Macedonia (FYROM).
Nello stesso anno, grazie alla mediazione degli Stati Uniti si arriva ad alcuni compromessi su contenziosi che la vedevano coinvolta con la Grecia.
Posta proprio al centro dei Balcani e snodo delle vie principali di comunicazione fra Europa e Medio Oriente, la Macedonia (25.173 kmq) confina ad ovest con l’Albania, a sud con la Grecia, ad est con la Bulgaria ed infine a nord con la Serbia – Montenegro.
Anche a causa della sua posizione geografica, ha subito pesantemente le conseguenze dei molti conflitti che hanno seguito la disgregazione dell’ex-Jugoslavia, basti pensare la drammatica situazione della primavera del 1999 quando la Mecedonia ha ospitato in alcuni momenti più di 300.000 profughi, mettendo a repentaglio i suoi fragili equilibri.

La Macedonia si dichiara indipendente nel 1991 ma solo nel 1995 entra a far parte delle Nazioni Unite sotto il nome provvisorio di Former Yugoslav Republic of Macedonia (FYROM).Nello stesso anno, grazie alla mediazione degli Stati Uniti si arriva ad alcuni compromessi su contenziosi che la vedevano coinvolta con la Grecia.
Posta proprio al centro dei Balcani e snodo delle vie principali di comunicazione fra Europa e Medio Oriente, la Macedonia (25.173 kmq) confina ad ovest con l’Albania, a sud con la Grecia, ad est con la Bulgaria ed infine a nord con la Serbia – Montenegro.
Anche a causa della sua posizione geografica, ha subito pesantemente le conseguenze dei molti conflitti che hanno seguito la disgregazione dell’ex-Jugoslavia, basti pensare la drammatica situazione della primavera del 1999 quando la Mecedonia ha ospitato in alcuni momenti più di 300.000 profughi, mettendo a repentaglio i suoi fragili equilibri.
I suoi abitanti sono secondo una stima del 1995 2.160.000; 1.945.000 invece secondo il censimento del 1994.
La lingua ufficiale è il macedone e la previsione costituzionale che introduce in alcune aree del paese la possibilità di utilizzare anche altre lingue non è stata mai fino ad ora applicata.
La moneta ufficiale è il Denar ed il tasso di cambio al febbraio 2000 era di 59 Denar=1$