4 Aprile 2016 | Macedonia | turismo culturale

Skopje, Alessandro Magno e l’affabile kitsch

Skopje, Alessandro Magno e l’affabile kitsch

di Francesca Gabbiadini. Un fotoreportage da Skopje per indagare i lasciti del controverso progetto “Skopje 2014” che ha rivoluzionato l’architettura urbana del centro cittadino. Fonte: www.pequodrivista.com

 

 

La Macedonia è assolutamente un Paese da visitare. Non ci sono altri modi per descrivere la straordinaria coesistenza di bellezza paesaggistica, cultura e grandezza delle sculture create a onorare la magnificenza della sua storia.

La stravaganza del luogo si percepisce immediatamente, già dal primo incrocio nella capitale Skopje: un albero ha gli occhi. Sì, dei veri occhi cartonati fra le fronde. Dopo il ponte, sul fiume, un vascello ti riporta alla mente le spaventose avventure vissute sulla nave dei pirati a Gardaland. Poi giungi in centro, parcheggi, inizi a cercare un ristorantino per un boccone e… della musica classica ti impedisce di sederti, costringendoti a procedere sino a Piazza Macedonia, la piazza più assurda e allo stesso tempo calorosa dell’Europa dell’Est!

Sin da lontano, la maestosa statua di Alessandro Magno e del suo cavallo imbizzarrito troneggia sui restanti monumenti, alta e imponente su un piedistallo di cemento, che assieme raggiungono la bellezza di 30 metri. “Il guerriero a cavallo”, forse di 30 tonnellate, è addirittura più altro degli edifici circostanti. Il 21 giugno 2011 la statua è stata eretta non senza numerose polemiche, che hanno diviso la nazione in sé e scatenato l’indignazione greca in merito alle origini dell’eroico Alex (un ottimo spunto di riflessione nell’articolo di Osservatorio Balcani e Caucaso). I miei scatti non si concentrano però sull’accezione geopolitica delle statue macedoni, ma vogliono invece sottoporre al vostro arguto sguardo la vivibilità di una piazza creata appositamente per l’incontro e il gioco. Buon divertimento!