Scarica il programma completo

23 – 26 SETTEMBRE 2021

Il Trentino e l’Alto Adige-Süd Tirol hanno vissuto un ‘900 complesso e delicato sul piano dell’identità. Tra appartenenza all’Impero asburgico multinazionale e allo Stato nazionale italiano, desiderio di autonomia da Vienna e Roma e volontà di ricongiungimento al proprio gruppo nazionale, comunità maggioritarie e specifiche isole etnolinguistiche, queste due province sono state protagoniste di pagine di storia importanti: il tempo dei nazionalismi più accesi, la bufera della Prima e della Seconda Guerra Mondiale, la crisi altoatesina all’indomani del 1945; ma anche stagioni di riscatto grazie ad Accordi e Statuti di autonomia e al consistente sviluppo economico. Entrambe sono riuscite a consolidare vantaggi e benessere per le loro comunità, ma facendo una forte pressione sul proprio territorio – il Trentino – e vivendo sempre in un equilibrio delicato, frutto di una storia sofferta – l’Alto Adige-Süd Tirol.

Questo itinerario tocca alcune questioni di base da più punti di vista, coinvolgendo persone e luoghi che ci permettono di riflettere su temi che ben si collegano anche al mondo balcanico e dell’Europa orientale: identità; compresenza, convivenza e competizione di più comunità sul medesimo territorio, fino allo scontro per il controllo e la supremazia; ma anche opportunità di sviluppo comune nel quadro di una Nuova Europa: quella sorta dalle rovine del 1945 e quella che potremmo costruire nel futuro. Storia, cultura, società, politica, ambienti urbani e di montagna si combinano così per darci una prima lettura di questo prisma dalle mille facce.


PROGRAMMA DI VIAGGIO

GIOVEDI’ 23 SETTEMBRE
VERONA-TRENTO-EGNA

Partendo da Verona FFSS alle 8.00 arriviamo a Trento per un itinerario tematico. Mettiamo infatti in evidenza l’azione dell’élite locale per creare un’identità trentina ai tempi del governo asburgico, le profonde conseguenze della Prima Guerra Mondiale sulla città e sulla sua memoria e il disegno politico e culturale del Fascismo. Dopo il pranzo libero, affrontiamo il tema dell’identità in un altro momento storico e da un altro punto di vista, carico di attualità: seguendo un percorso nel centro storico, prendiamo in esame la sorte della comunità ebraica di Trento, forzatamente scomparsa a seguito del “caso del Simonino” sul finire del ‘400. E’ l’occasione per intrecciare questa vicenda con il destino degli Ebrei nell’Europa orientale e balcanica. Terminiamo la giornata con un incontro in un caffè di Trento che ci porta a riflettere e dialogare sui concetti di identità, autonomia e gestione del territorio. Cena e pernottamento a Egna in hotel 3*.

Trento. Palazzo Pretorio. Foto © Matteo Ianeselli / Wikimedia Commons, CC BY-SA 3.0
Trento. Piazza Dante. Cartolina fornita da Fondazione Museo Storico del Trentino

VENERDI’ 24 SETTEMBRE
EGNA-BOLZANO-EGNA

Dopo la colazione, ci accoglie Bolzano-Bozen, città segnata dai contrasti e dalle divisioni tra le comunità di lingua tedesca e italiana nel corso del ‘900. In un territorio in cui il nazionalismo, lo Stato Nazione e le diverse rivendicazioni hanno generato tensioni, il tema dell’identità ha finito con l’essere cruciale. Una visita guidata della città ci permette di toccare questi aspetti, partendo dalla combinazione del vecchio nucleo tirolese di tradizione tedesca con il nuovo impianto urbano sorto durante il regime fascista e nel secondo dopoguerra. Dopo il pranzo libero, ci dedichiamo ad una passeggiata a Soprabolzano-Oberbozen, sull’altopiano del Renon-Rittner. A brevissima distanza dalla città ci troviamo in un ambiente che intreccia presenza umana e natura, riservandoci una vista notevole sulla catena alpina. Concludiamo con un incontro dialogando sui “temi caldi” della giornata con l’aiuto di alcuni Bolzanini: il loro punto di vista, le loro percezioni, lo stile di vita, le speranze e le delusioni. Cena a Bolzano e pernottamento a Egna in hotel 3*.

Bolzano. Piazza Walther. Foto LB
Bolzano. Monumento alla Vittoria. Foto LB

SABATO 25 SETTEMBRE
EGNA-VIGO DI FASSA-MOENA-VIGO DI FASSA

Al mattino giungiamo in Val di Fassa, dove veniamo a contatto con la terza comunità altoatesina: quella ladina, radicata in cinque valli fra Trentino, Alto Adige e Veneto. La visita guidata al Museo ladino ci permette di prendere confidenza con la società, la cultura e le vicende di un gruppo che, anche grazie a provvedimenti di tutela fortemente voluti, produce cultura e riafferma lasua identità in un ambiente mutato dalla nuova economia turistica. Recandoci sul territorio, seguiamo il filo delle difficili condizioni di vita in valle, che la comunità ha cercato di affrontare nel tempo con diverse strategie. Dopo il pranzo, nella vicina Moena, tocchiamo il tema della Prima Guerra Mondiale da un punto di osservazione differente: quello dei Trentini che hanno indossato la divisa austro-ungarica, inviati in Galizia (oggi divisa tra Polonia e Ucraina) a combattere contro l’esercito russo e testimoni in casa propria della prigionia di Russi e Serbi catturati sui fronti dell’Est. La nostra giornata termina con una passeggiata nel cosiddetto Rione turco di Moena: una porzione del paese che ha sviluppato una propria identità a partire da una leggenda che voleva un soldato turco essersi fermato stabilmente qui dopo il ritiro dell’esercito ottomano dalle mura di Vienna nel 1683. E’ interessante osservare come questa microidentità produca ancora oggi effetti nei comportamenti e nell’immaginario dei suoi abitanti e come abbia attirato l’attenzione della … “madrepatria” turca, dando luogo a malintesi. Cena e pernottamento a Vigo di Fassa in hotel 3*.

Vigo di Fassa. Le maschere del Carnevale ladino. Foto LB
Vigo di Fassa. La Grande Guerra. Foto LB
Moena. Rione turco. Foto LB

DOMENICA 26 SETTEMBRE
VIGO DI FASSA-MOENA-VERONA

L’ultima parte del nostro itinerario prevede una mattina libera nel centro di Moena o un’escursione guidata sui monti attorno al paese. Qui la natura dei rilievi s’intreccia alla Storia, in particolare alle vicende della Prima Guerra Mondiale e ai durissimi combattimenti tra Italiani ed Austro-ungarici sul fronte alpino. Dopo il pranzo rientriamo a Verona, con discesa alla Stazione FFSS.

LUNGHEZZA CAMMINATA: circa 2 km
TIPO PERCORSO: andata-ritorno con varianti. Non presenta particolari difficoltà
FONDO: sentiero nel bosco
DISLIVELLO COMPLESSIVO: 300 mt
TEMPO DI PERCORRENZA: circa 3h00 (camminata + racconto)
ATTREZZATURA: abbigliamento comodo / scarponcini con buona suola, adatti a passeggiate / piccolo zaino con acqua / cappello / crema solare


NOTA: Il programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che durante il viaggio, per ragioni sanitarie, in base alle condizioni climatiche, alle regole e alle indicazioni di qualunque genere imposte dalle autorità, alle condizioni della circolazione stradale e dei mezzi di trasporto utilizzati, alle regole di accesso imposte dai siti di visita, alle festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle strutture che ospitano il gruppo di viaggiatori e per sopravvenuta indisponibilità di uno o più guide e partner.

Date le specifiche limitazioni dovute alla recente pandemia è possibile che vengano poste regole o divieti in conseguenza delle quali l’agenzia si riserva di valutare la soluzione più opportuna.

I partecipanti dovranno essere muniti dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) previsti dalle norme vigenti e dovranno rispettare le regole di igiene e di distanziamento interpersonale prescritte.


QUOTA DI PARTECIPAZIONE

Minimo 15 partecipanti: € 545,00

Minimo 13 partecipanti: € 595,00

Supplemento stanza singola: € 45,00

Iscrizione annuale Ass. Viaggiare i Balcani da saldare in viaggio: € 10


La quota di partecipazione COMPRENDE:

.Viaggio in minibus 19 posti
. Presenza di un mediatore culturale, membro dell’associazione Viaggiare i Balcani
. Guide locali: Trento, Bolzano, Moena (escursione)
. Ingressi: Museo Diocesano, Museo Ladino, Mostra “La Gran Vera”
. Cene dal giorno 1 al giorno 3 (bevande escluse)
. Pernottamento e colazione a Egna e Vigo di Fassa in hotel 3*. Su richiesta, possibilità di abbinamento in stanza.
. Assicurazione medico, bagaglio e annullamento
. Assicurazione Covid-19

La quota di partecipazione NON COMPRENDE: Pranzi # Cena del giorno 4 # Bevande a cena # Extra personali # Tutto quanto non specificato ne “La quota di partecipazione comprende”.

ATTENZIONE! E’ richiesto ai partecipanti di segnalare ogni eventuale intolleranza, allergia ed esigenza collegate al cibo, nonché ogni eventuale patologia medica, che possano rilevare nel corso dello svolgimento del viaggio. L’organizzazione non è responsabile per segnalazioni non effettuate dagli interessati.

DOCUMENTI DI VIAGGIO NECESSARI: carta d’identità in corso di validità senza rinnovo con timbro o in alternativa passaporto in corso di validità.


INFORMAZIONI ED ADESIONI

Iscrizioni sino ad esaurimento posti
Acconto di € 150,00 da versare all’atto dell’iscrizione
Saldo entro il 10.09.2021

Se il numero minimo non verrà raggiunto
20 giorni prima della partenza
il viaggio verrà annullato e l’acconto versato interamente restituito


Per informazioni ed iscrizioni presso AGENZIA VIAGGI ETLI

Sig. DANIELE BILOTTA – 0464-43.15.07 (ore 9.00-15.00)
daniele@etlitn.it
indicando in oggetto “Viaggio nelle identità”

Per informazioni è possibile contattare
Sig. LEONARDO BARATTIN – 328.19.39.823
leonardo.barattin@viaggiareibalcani.net
membro dell’associazione Viaggiare i Balcani e curatore dell’itinerario


ORGANIZZAZIONE TECNICA

Agenzia Viaggi ETLI-TN, Soc. Coop Rovereto
Corso Rosmini, 82/A 38068 Rovereto (Tn)
N. Reg. A157038
Compagnia assicurativa: UNIPOL / Num. Polizza: 1949 65 50623055

Condividi su